Arrivare, rilassarsi, godersela

Tamaris e Andreas Auer
parlano del loro rimodernato Seehof a Naz

Quanto è durato il processo di sviluppo del nuovo Nature Retreat e cosa vi ha spinto a intraprendere questa strada?

Tre anni fa abbiamo iniziato a interrogarci su come immaginavamo il futuro del Seehof. Siamo arrivati a una conclusione chiara. Volevamo creare un luogo in cui le persone potessero incontrarsi e in cui la quiete, la natura e il benessere fossero protagonisti sotto tutti i punti di vista.

 

Come albergatori avete dovuto prendere decisioni importanti, ad esempio scegliere collaboratori in grado di aiutarvi, con sensibilità e buon gusto, a trasformare la vostra idea in realtà. Secondo quali criteri avete scelto le menti creative che hanno progettato la ristrutturazione?

Il Seehof si trova sull’altopiano di Naz, a circa 900 metri di altitudine, è circondato da meleti e non è distante dalla città di Bressanone e dall’Abbazia agostiniana di Novacella. E volevamo che la nostra posizione collinare si riflettesse nell’architettura: fin dall’inizio abbiamo avuto la fortuna di riuscire a coinvolgere nel progetto i partner più adatti a concretizzare alle nostre idee.

Arrivare, rilassarsi, godersela

Sicuramente vi avranno sottoposto tantissime idee e proposte; tutte da valutare con attenzione. Chi di voi ha tenuto in mano le redini dell’intero progetto?

Abbiamo cercato di essere presenti sempre tutti e due, Tamaris e Andreas, a ogni riunione. Le decisioni le abbiamo prese insieme, in accordo con i nostri collaboratori.

 

Quanto è stata impegnativa la fase di costruzione?

I lavori, durati oltre sei mesi, sono stati davvero impegnativi per la nostra famiglia: la vigilia di Natale e tutte le feste le abbiamo sostanzialmente trascorse in un cantiere, abbiamo cucinato all’aperto, a volte anche a temperature bassissime, e siamo stati svegliati ogni mattina dai rumori dei macchinari e degli operai, anche durante i fine settimana. E inoltre abbiamo dovuto fare i conti con alcune scoperte sbalorditive: nel terreno, per esempio, non abbiamo trovato pepite d’oro ma delle condutture di cui ignoravamo l’esistenza e che abbiamo dovuto spostare.

 

Il nuovo Nature Retreat offre numerosi highlights. Quali sono i vostri preferiti?

Intanto dobbiamo fare una netta distinzione tra hardware e software. L’area wellness con la piscina presso il lago è un vero highlight. Le moderne suite e le camere ristrutturate soddisfano tutte le esigenze di uno stile di vita contemporaneo. Il “Borgo dei sapori” è il nostro punto d’incontro culinario tra tradizione gastronomica locale e cucina mediterranea. Il nostro giardino, che circonda tutta la struttura, è un vero paradiso. Il software, invece, è rappresentato sicuramente dai nostri collaboratori: è grazie a loro che i nostri ospiti possono godersi un soggiorno riposante in un’atmosfera accogliente, semplice e autentica, dove il benessere è sempre al primo posto.

 

Qual è la concezione di vacanza ideale del nuovo Seehof?

Arrivare, rilassarsi, seplicemente essere! Non più in alto, più in fretta, più lontano,
ma lentamente, consapevolmente, serenamente.